Zambon aderisce al progetto Open Factory di Comitato Leonardo

 

In occasione dell’iniziativa Open Factory, promossa dal Comitato Leonardo, le imprese italiane aprono i propri stabilimenti al pubblico e agli studenti. Anche il gruppo farmaceutico Zambon partecipa al progetto, aprendo il Campus Scientifico OpenZone di Bresso il 30 maggio.

Ogni anno, il 15 aprile, si celebra la Giornata Nazionale del Made in Italy, nel giorno dell’anniversario di nascita di Leonardo da Vinci. Questa giornata, promossa dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, mira a celebrare la creatività e l’eccellenza italiana. Nell’ambito di queste celebrazioni, il Comitato Leonardo ha lanciato il progetto Open Factory per evidenziare l’importanza del Made in Italy e l’eccellenza delle imprese italiane.

Le aziende aderenti al Comitato Leonardo, tra il 15 aprile e il 30 maggio 2024, aprono i loro stabilimenti al pubblico, organizzando visite guidate ed eventi specialmente dedicati ai giovani. Queste visite permettono di far conoscere la qualità delle produzioni italiane ai giovani e al grande pubblico. Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e su prenotazione.

Sergio Dompé, Presidente del Comitato Leonardo, commenta: “È importante tornare a dare centralità alle nostre imprese e filiere industriali, far toccare con mano come nascono i prodotti delle nostre eccellenze per aumentare la consapevolezza dell’importanza del made in Italy e della ricaduta positiva che ha sull’economia del nostro Paese”.

Il Comitato Leonardo, fondato nel 1993 da ICE, Confindustria e imprenditori come Gianni Agnelli e Sergio Pininfarina, promuove l’Italia come Sistema Paese, valorizzando imprenditorialità, creatività artistica, raffinatezza e cultura italiane. Riunisce oltre 160 personalità e aziende leader, con un fatturato complessivo di 410 miliardi di euro e una quota export media del 55%.

Il calendario Open Factory è stato inaugurato il 15 aprile dalle aziende Amarelli Fabbrica di Liquirizia a Rossano (CS) e Ferrari Trento. Anche l’industria farmaceutica ha partecipato con Zambon, che propone visite guidate al Campus Scientifico OpenZone di Bresso (MI) e all’Health & Quality Factory di Vicenza. Dompé Farmaceutici Spa ha aperto il proprio polo produttivo agli studenti universitari, delle scuole primarie e secondarie de L’Aquila.

Il gruppo farmaceutico Zambon, nel suo comunicato, ha evidenziato la partecipazione al progetto Open Factory, aprendo il Campus Scientifico OpenZone a Bresso il 30 maggio. Questa iniziativa offre al pubblico, con particolare attenzione a giovani e studenti, l’opportunità di esplorare il settore farmaceutico e delle scienze della vita. I visitatori potranno interagire con professionisti del settore e scoprire le sfide e le opportunità del lavoro nel campo. Il tour guidato del Campus permetterà di visitare realtà biotecnologiche, farmaceutiche e di terapia genica avanzata a livello nazionale e internazionale.

OpenZone è un esempio concreto di scambio di conoscenze sulla ricerca e l’imprenditorialità, un campus interamente finanziato con capitale privato, focalizzato sulla Salute e basato su un approccio di innovazione aperta per creare ponti tra diverse competenze, linguaggi e mondi.