Labomar entra in Sphera Encapsulation, spin-off Universitaria specializzata in nano-incapsulazione

 

Labomar ha acquisito una partecipazione nella PMI innovativa Sphera Encapsulation, uno spin-off del Dipartimento di Biotecnologie dell’Università di Verona, specializzata nella ricerca e sviluppo di tecnologie per la micro e nano incapsulazione applicate all’alimentazione funzionale e alla nutraceutica.

Fondata nel 2016 da Gianni Zoccatelli e dalle ricercatrici Martina Vakarelova e Francesca Zanoni, Sphera è la prima azienda italiana dedicata esclusivamente alla ricerca e sviluppo di tecnologie di incapsulamento per l’alimentazione funzionale, la nutraceutica e l’agrochimico. Le sue tecnologie permettono di proteggere, isolare o migliorare la dispersione di principi attivi.

Labomar, specializzata nella ricerca, sviluppo e produzione conto terzi di integratori alimentari, dispositivi medici, alimenti a fini medici speciali e cosmetici, utilizzerà le tecnologie di Sphera per aumentare la biodisponibilità dei principi attivi e favorire un rilascio controllato, ottimizzando così i benefici.

La collaborazione con il mondo accademico e l’attività brevettuale sono aspetti chiave dell’innovazione di Sphera, che condivide con Labomar un impegno costante verso l’innovazione e la sostenibilità. Entrambe le aziende si distinguono per il rispetto dell’ambiente e l’attenzione al benessere delle persone.

“L’ingresso nel capitale di Sphera ci permetterà di ampliare il know-how e la competitività del Gruppo in un settore strategico come quello della micro e nano incapsulazione,” afferma Walter Bertin, Amministratore Delegato e fondatore di Labomar. “Da sempre, la crescita di Labomar è legata all’innovazione, alla ricerca e allo sviluppo di nuove soluzioni. La collaborazione con le fondatrici di Sphera, Martina Vakarelova e Francesca Zanoni, è basata su una forte empatia e una visione comune, che porterà a progetti innovativi e accelererà il nostro sviluppo tecnologico.”

“Questa partnership riconosce il valore della nostra ricerca e dei risultati raggiunti in anni di lavoro,” aggiungono le fondatrici di Sphera. “Con Labomar condividiamo una visione di innovazione e sostenibilità, che ci permetterà di integrare le nostre competenze e di esplorare nuove frontiere tecnologiche, migliorando il benessere e la salute delle persone.”

Le competenze di Sphera saranno integrate in tutte le società del gruppo Labomar, secondo il piano di integrazione avviato nel 2023 per massimizzare le sinergie tra la capogruppo e le sue partecipate.